_


 

Comunità Parrocchiale di Bresega

 

DOMENICA 12 luglio 2020

 

In primo piano

************************************

Bollettino delle parrocchie di
Bresega, Ponso, Carceri, Vighizzolo

scarica qui il bollettino settimanale

******************

Dal vangelo secondo Matteo (13,1-23)
Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia. Egli parlò loro di molte cose con parabole.
E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. Un'altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c'era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, ma quando spuntò il sole fu bruciata e, non avendo radici, seccò. Un'altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. Un'altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. Chi ha orecchi, ascolti»…

::: Prossimi appuntamenti :::

Agenda della settimana

La Messa della Madonna del Carmelo, 16 luglio
Giovedì, 16 luglio, ricorre la memoria della Madonna del monte Carmelo (o del Carmine), cui è intitolata la sagra annuale della nostra parrocchia. La sagra quest’anno non è stata allestita, ma la Messa della Madonna sì: la celebriamo giovedì alle ore 20:30. “Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, santa Madre di Dio”: a lei affidiamo il nostro Centro parrocchiale e tutta la nostra parrocchia!
Rosario venerdì; cestone Caritas
Continuano le iniziative del santo Rosario, recitato in chiesa al venerdì alle ore 20:30 (tranne quando c’è l’adorazione eucaristica), e del cestone Caritas per raccogliere generi alimentari a sostegno delle famiglie in difficoltà.

**********






 

 

***********************************

orario completo delle S. Messe sul bollettino

*********************************

APPUNTAMENTI SETTIMANALI

- GRUPPO 3a ETA': GIOVEDI ore 15.30 S. Messa e attività in Centro Parr.

- CORALE: GIOVEDI ore 21.00

- CORO GIOVANI: LUNEDI ore 21.00


- INTENZIONI Ss. MESSE:
ordinarle dopo la Messa
in sacristia o in canonica
Offerta per S. Messa libera, consigliata € 10,00

**************************************

per ulteriori informazioni fare riferimento al bollettino

Contatti

IN PRIMA PAGINA SUL BOLLETTINO


LA RICORRENZA DELLA MADONNA DEL CARMINE, 16 luglio
Il 16 luglio ricorre una festa mariana molto importante nella Tradizione della Chiesa: la Madonna del Carmelo, una delle devozioni più antiche e più amate dalla cristianità, legata alla storia e ai valori spirituali dell’Ordine dei frati della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo (Carmelitani). La festa liturgica fu istituita per commemorare l’apparizione del 16 luglio 1251 a san Simone Stock, all’epoca priore generale dell’ordine carmelitano, durante la quale la Madonna gli consegnò uno scapolare (dal latino scapula, spalla) in tessuto, rivelandogli notevoli privilegi connessi al suo culto.
Nel Primo Libro dei Re dell’Antico Testamento si racconta che il profeta Elia, che raccolse una comunità di uomini proprio sul monte Carmelo (in aramaico «giardino»), operò in difesa della purezza della fede in Dio, vincendo una sfida contro i sacerdoti del dio Baal. Qui, in seguito, si stabilirono delle comunità monastiche cristiane. I religiosi edificarono una chiesetta in mezzo alle loro celle, dedicandola alla Vergine e presero il nome di Fratelli di Santa Maria del Monte Carmelo. Il Carmelo acquisì, in tal modo, i suoi due elementi caratterizzanti: il riferimento ad Elia ed il legame a Maria Santissima.
Le notizie sulla vita di san Simone Stock (1165 circa –1265) sono scarse. Dopo un pellegrinaggio in Terra Santa, maturò la decisione di entrare fra i Carmelitani e, completati gli studi a Roma, venne ordinato sacerdote. Intorno al 1247, quando aveva già 82 anni, venne scelto come sesto priore generale dell’Ordine. Si adoperò per riformare la regola dei Carmelitani, facendone un ordine mendicante: papa Innocenzo IV, nel 1251, approvò la nuova regola e garantì all’Ordine anche la particolare protezione da parte della Santa Sede.
Proprio a san Simone Stock, che propagò la devozione della Madonna del Carmelo e compose per lei un bellissimo inno, il Flos Carmeli, la Madonna assicurò che quanti si fossero spenti indossando lo scapolare sarebbero stati liberati dalle pene del Purgatorio, affermando: «Questo è il privilegio per te e per i tuoi: chiunque morirà rivestendolo, sarà salvo». La consacrazione alla Madonna, mediante lo scapolare, si traduce anzitutto nello sforzo di imitarla, almeno negli intenti, a fare ogni cosa come Lei l’avrebbe compiuta. (Autore: Cristina Siccardi)
------ da Villa Immacolata -------------------------------------------------------------------------------------------------
VILLA IMMACOLATA FESTEGGIA 70 ANNI, 14 luglio
Era il 16 luglio 1950, festa della Madonna del Carmine, patrona di Torreglia alta, quando ebbero inizio gli esercizi spirituali a Villa Immacolata. Il 16 luglio di quest’anno la casa compie settant’anni di attività. Il 70° di Villa Immacolata si festeggerà in anticipo – martedì 14 luglio – con la Messa presieduta dal vescovo Claudio alle ore 18:30, seguita dalla consegna del testo sui settant'anni. Alle 20:00 è previsto – nel rispetto delle norme anti Covid – un panino all’aperto per tutti i partecipanti e alle 21:30 si continua a festeggiare con lo spettacolo teatrale «Lazzaro, vieni dentro!» di Giampiero Pizzol con Carlo Pastori e Marta Martinelli (spettacolo vincitore del bando “I Teatri del Sacro 2011”).
I festeggiamenti si svolgeranno all’aperto e solo se non piove. Per info: www.villaimmacolata.net.
------ dall’Azione Cattolica diocesana ---------------------------------------------------------------------------------
CAMPO PER ADULTI E FAMIGLIE - iscrizioni entro il 27 luglio

LAUDATO SI' - Campo Adulti-Famiglie. Camporovere di Asiago, 10-16 agosto 2020.
L’AC diocesana organizza una settimana per adulti e famiglie, coltivando belle relazioni tra di noi e
cogliendo varie opportunità di esplorare le bellezze dell’Altopiano. Anche bambini e ragazzi presenti, seguiti da educatori, faranno un percorso a loro misura sintonizzato con le proposte rivolte agli adulti.
Quote: singolo Euro 220; coppia Euro 400; minorenne 4-11 anni Euro 120; minorenne 12-18 anni Euro 150; dal terzo figlio Euro 80; bambino fino a 3 anni gratis.
Iscrizioni entro il 27 luglio in segreteria diocesana (tel. 049-877.1730) oppure online al sito www.acpadova.it.
------ dai Missionari Comboniani ----------------------------------------------------------------------------------------
“MONDIARIO” – DIARIO SCOLASTICO MISSIONARIO

Mondiario 2020-2021: Un anno per creare e giocare!
È un Mondiario ricco di novità questo del Piccolo Missionario per ragazzi/e a livello di scuola primaria (e oltre, se interessati) per l’anno scolastico 2020-2021! La novità non è solo, come ogni nuova edizione, il tema che lo abita. Ma il fatto che a pensarlo per noi sono stati due grandi uomini che, da tempo, accompagnano il mondo dei bambini e bambine, ragazzi e ragazze: il Maestro e giocattolaio Roberto Papetti e l’illustratore, già premio Andersen 2017, Marco Paci. A ideare le nuove schede del Mondiario, dedicato al gioco da costruire, è stato infatti Roberto, esperto nel giocare facendo vivere l’ecologia; a disegnare le idee, invece, è stato Marco… ed è venuto fuori un Mondiario stre-pi-to-so! Quest’anno il Progetto di Solidarietà consiste nella costruzione di una scuola secondaria in Malawi. Offerte speciali: Mondiario+ progetto solidarietà € 9,00; Mondiario+ progetto solidarietà + abbonamento annuale al PM - Il Piccolo Missionario € 30,00.
Per info: Facebook /piccolomissionario; P. Francesco 347-6943962, ampadovamccj@gmail.com; P. Gaetano 389-3185014.

BRESEGA PONSOCARCERIVIGHIZZOLO
Sabato - - - -
Domenica
- - - -
Dal lunedì al venerdì - - - -
- - - - -

 

ALTRE INFORMAZIONI SUL BOLLETTINO


 

  

 

 

 

 
 
 

 

 

  • Consiglio Pastorale Parrocchiale
  • Consiglio per gli Affari Economici
  • Catechesi

.

 

 

Pagina in costruzione

Pagina in costruzione

Prima di presentare il Gruppo Teatro Vecchio Veneto vorremmo fare un po’ di storia del teatro a Bresega.

ANNI QUARANTA

Facciamo un salto nel tempo per sfogliare le pagine di un passato di qualche anno, quando a Bresega un gruppo di persone si cimentarono all’arte del teatro. Parliamo degli anni immediatamente seguenti il secondo dopoguerra, quando fare teatro, magari artigianalmente, per se  stessi e per il piccolo borgo, era l’unico svago realizzabile. Ci si riuniva presso gli ambienti della canonica, ambienti che orgogliosamente Don Fabiano, il parroco di allora,  metteva a disposizione per i “suoi ragazzi”. Vogliamo ricordare due persone che hanno particolarmente contribuito a rendere fattiva quello che era una aspirazione di tutti: Stellio Gastaldo e Angelo Manfrin.

 Nelle lunghe serate invernali si preparavano le rappresentazioni teatrali che sarebbero state messe in scena nel periodo estivo. Allora era in voga l’operetta, armonioso “ensamble” di musicali canzoni e parti recitate.  Qualcuno ricorda ancor oggi,  con orgoglio, i successi ottenuti in paese e i riconoscimenti raggiunti durante le trasferte.

In quei tempi, maschi e femmine non potevano fare teatro assieme quindi parallelamente nacque anche la compagnia teatrale femminile, i luoghi di incontro era sempre la canonica. A diversità dei colleghi maschietti, le ragazze si perfezionarono nella recita di commedie. Ci viene spontaneo chiedere cosa avrebbero fatto se ci fosse stata la necessità di una parte maschile. Niente paura, una ragazza si vestiva da maschietto e il problema era risolto. Inutile dire che anche il gruppo femminile ebbe i suoi momenti di gloria. 

Parlando con un signore di un paese limitrofo, riguardo alla tradizione teatrale a Bresega, questi ricordava che, quando era piccolo, i “grandi”lo avevano mandato a Bresega a prendere i trucchi. Cosa era successo? Stavano preparando una rappresentazione teatrale e all’ultimo momento si sono accorti che i loro trucchi si erano irrimediabilmente rovinati. Che fare? Niente paura si va a Bresega e loro sicuramente hanno tutto. Una corsa in bicicletta e il problema si è risolto nei migliore dei modi.  Eravamo negli anni Cinquanta!

ANNI SESSANTA

Con il boom economico si cambiano stili di vita, sorgono altri mezzi di divertimento, qualcuno è costretto ad emigrare e tutto lentamente si scioglie, lasciando però sempre acceso un lumicino: a ricordo dei vecchi fasti rimaneva  lo stabile del teatro.

ANNI SETTANTA...LA NASCITA DEL GRUPPO TEATRALE

E arriviamo agli inizi degli anni settanta quando un gruppo di ragazzi, cogliendo l’occasione della festa di Santa Lucia, copatrona del paese, si propongono, dopo la recita dei bambini delle elementari,  di allietale la festa con  brevi scenette. Ed è così che nasce quello che poi si chiamerà Gruppo Teatro Vecchio Veneto. Da brevi scenette si passerà  alle farse quindi ad atti unici finché  arriviamo  alla realizzazione delle commedie.

Con gli anni il gruppo artisticamente cresce coinvolgendo molti  giovani del paese e trova lo stile che lo contraddistinguerà  e lo caratterizzerà. 

IL GRUPPO TEATRO VECCHIO VENETO...OGGI

Il Gruppo attualmente è formato da circa trenta persone compresi attori, scenografi, tecnici audio e video, truccatrici e collaboratori vari.

Il Gruppo ha delle caratteristiche che lo differenzia dalle altre compagnie: è completamente autodidatta; ha un autore delle proprie rappresentazioni: Silvio Olin; ha la sua lingua vernacolare: il dialetto locale; ha tanta voglia di divertirsi, divertendo il pubblico, e può vantare, tra i componenti,  una collaborazione quasi quarantennale.

Il filone del buon umore è da sempre l’ingrediente principale che la compagnia vuole trasmettere al pubblico. In paese il gruppo è amato e apprezzato, conosciuto e seguito con entusiasmo. I consensi ottenuti si estendono non solo nei paesi limitrofi ma anche oltre il territorio della Bassa Padovana sconfinando anche fuori regione.
La discriminante sta certamente nel fatto che il pubblico può  identificarsi nei personaggi portati in scena.  Del resto le situazioni rappresentate sono storie di vita quotidiana, a volte portate all’eccesso, ma con un fondo di verità. E’ la realtà messa in scena , è la vita recitata dal vivo.

Il Gruppo ha messo in scena oltre a quindici rappresentazioni. A titolo esemplificativo ne ricordiamo alcune : Chiuso per ferie, Done Omani Marideve, Disi sempre che la xe cota, On pugneto de sale, Semo tuti paroni .

Attualmente il Gruppo si è costituito in associazione culturale teatrale  apolitica e apartitica senza scopo di lucro.

Per informazioni 0429/679097

teatrobresega.blogspot.com

 

 

Canti per la Santa Messa

No flash player!

It looks like you don't have flash player installed. Click here to go to Macromedia download page.


Powered by Flash MP3 Player

 

Parrocchia di Bresega

Via Chiesa di Bresega, 108

35040 Ponso PD

 

Per comunicare con don Andrea Ceolato:

tel. 0429619777

cell. 340 2216242

carceri@diocesipadova.it

Per segnalazioni e contributi su questo sito:

web.bresega@gmail.com