Comunità Parrocchiale di Bresega

Benvenuti ! ! ! !

In primo piano

******************************

Bollettino delle parrocchie

Bresega, Ponso, Carceri, Vighizzolo

scarica qui il bollettino settimanale

******************

 

 

 

::: Prossimi appuntamenti :::

Agenda della settimana

Mercoledì 27 ricordiamo don Olindo Favaro nel giorno anniversario della sua nascita (1926).
Venerdì 29 continua alle ore 20:30 l’appuntamento con la Via Crucis.
Sacramento della prima Penitenza
Domenica 31 marzo, alle ore 15:00, al santuario del Tresto tre nostri ragazzi celebrano per la prima volta il sacramento della Penitenza, insieme con i loro compagni di Iniziazione Cristiana del gruppo Tresto-Bresega:
Manfrin Tommaso, Rosina Angelica e Zogno Emiliano. Preghiamo per questa loro importante tappa!
Gruppo Caritas: raccolta alimentari, 31 marzo
Continua domenica 31 marzo la raccolta dei generi alimentari per la mensa dei poveri di padre
Flaviano. In chiesa troveremo il cestone della solidarietà per deporli. Grazie!

***********************************

orario completo delle S. Messe sul bollettino

*********************************

APPUNTAMENTI SETTIMANALI

- GRUPPO 3a ETA': GIOVEDI ore 15.30 S. Messa e attività in Centro Parr.

- CORALE: GIOVEDI ore 21.00

- CORO GIOVANI: LUNEDI ore 21.00


- INTENZIONI Ss. MESSE:
ordinarle dopo la Messa
in sacristia o in canonica
Offerta per S. Messa libera, consigliata € 10,00

**************************************

per ulteriori informazioni fare riferimento al bollettino

Contatti

DALLA PRIMA PAGINA DEL BOLLETTINO

IL RITO DELLE “GRANDI INTERCESSIONI”
Questo rito consiste in una speciale preghiera dei fedeli, durante la Messa, per i ragazzi che devono ricevere i sacramenti della Cresima e dell’Eucaristia. Viene sottolineata la centralità di Cristo e della Chiesa nell’atto materno e autorevole di designare i ragazzi a ricevere la sovrabbondante grazia della
Cresima e dell’Eucaristia, compimento della stessa Iniziazione.
Questa liturgia va celebrata la terza, quarta e quinta domenica di Quaresima per analogia all’antichissima tradizione patristica di compiere sui catecumeni gli scrutini battesimali nelle domeniche della Samaritana, del Cieco nato e di Lazzaro. Si leggono infatti questi brani del Vangelo al posto di quelli dell’anno corrente.
APPUNTAMENTO INTER-VICARIALE PER I GIOVANI, 29 marzo
Una serata di preghiera, promossa dall’AC: venerdì 29 marzo, dalle 20:45, presso l'Abbazia di Carceri. Con la guida di don Vito di Rienzo vivremo un momento di preghiera ed approfondimento insieme anche ai giovani del vicariato di Montagnana-Merlara. Invitati tutti i giovani, educatori e non.
PREPARAZIONE AL BATTESIMO, 11 aprile
Inizia una nuova serie di incontri di preparazione per le famiglie che desiderano battezzare il loro bambino. Si tratterà di 4 incontri, aperti alle coppie di genitori di tutte e 4 le parrocchie insieme, con cadenza circa ogni 20 giorni, a partire da giovedì 11 aprile, alle ore 20:30. Si può partecipare anche prima che il figlio nasca; anzi, questa scelta è consigliabile!
QUARESIMA DI FRATERNITÀ
Presta orecchio a… la pazienza: Thailandia. Ecco i progetti missionari da sostenere:
● Formazione dei giovani alla comunicazione. I moderni mezzi di comunicazione sono molto invasivi nella vita dei giovani tailandesi generando spesso comportamenti scorretti. Il progetto si propone di organizzare una settimana di formazione sulle modalità e finalità della comunicazione e le conseguenze dei messaggi veicolati.
● Sostegno catechisti della parrocchia di Chaehom. La parrocchia Maria Regina della Pace ha un territorio molto esteso e conta circa 300 villaggi disseminati lungo le vallate o sui monti, abitati da diversi gruppi etnici, ognuno con la propria lingua, cultura, religione e tradizione. Il progetto prevede l’acquisto di sussidi per la catechesi, momenti di formazione e un sostegno economico a 12 catechisti
per potersi dedicare alla missione di evangelizzazione senza trascurare la famiglia.
LA LETTERA DEL VESCOVO CLAUDIO (2)
Riguardo ai membri dei Consigli di comunione
Riprendo alcune vostre considerazioni, scritte nelle relazioni di pre-visita, il vostro compito si riassume in tre direzioni: 1) comprendere e tradurre oggi l'essere credenti, consapevoli di vivere in un contesto sociale e culturale fortemente mutato, in cui la trasmissione della fede non è automatica e nemmeno scontata; 2) valorizzare l'originalità di ogni singola parrocchia in una prospettiva missionaria, aprendosi alla collaborazione con quelle vicine; 3) cogliere le scelte pastorali ora più importanti e promettenti, anche tenendo conto della carenza, in futuro, dei presbiteri.
Rimangono importanti anche i compiti di regia e di collegamento tra i vari gruppi parrocchiali, lo stimolare i germogli di partecipazione e formazione nelle comunità, come pure esprimere l'annuncio del Vangelo nella gestione economica e nella cura per le molte strutture presenti in ogni parrocchia.
FESTA DELLE PALME A PADOVA, 14 aprile
I ragazzi dell’ACR e tutti i ragazzi delle elementari e delle medie sono invitati a fare festa con il
vescovo Claudio nella domenica delle Palme, 14 aprile. Sono a disposizione dei pullman vicariali, per
cui è necessario dare il proprio nominativo agli educatori ACR o al catechista di riferimento, entro il 7
aprile. Quota di partecipazione, 9 Euro. Anche i genitori sono invitati ad accompagnare i ragazzi!
CONCERTO DELL’ANNUNCIAZIONE, 25 marzo
Lunedì 25 ore 20:45, chiesa della Ciesazza. “East & West” (concerto) - dialogo tra culture e
popoli. Musiche di Schnittke, Bartok, Stravinsky, Piazzolla. Interpreti saranno il Mº. Luca Santaniello
al violino ed il Mº. Davide Vendramin alla fisarmonica.

ALTRE INFORMAZIONI SUL BOLLETTINO


 

 

 

 

 
 
 

 

 

  • Consiglio Pastorale Parrocchiale
  • Consiglio per gli Affari Economici
  • Catechesi

.

 

 

Pagina in costruzione

Pagina in costruzione

Prima di presentare il Gruppo Teatro Vecchio Veneto vorremmo fare un po’ di storia del teatro a Bresega.

ANNI QUARANTA

Facciamo un salto nel tempo per sfogliare le pagine di un passato di qualche anno, quando a Bresega un gruppo di persone si cimentarono all’arte del teatro. Parliamo degli anni immediatamente seguenti il secondo dopoguerra, quando fare teatro, magari artigianalmente, per se  stessi e per il piccolo borgo, era l’unico svago realizzabile. Ci si riuniva presso gli ambienti della canonica, ambienti che orgogliosamente Don Fabiano, il parroco di allora,  metteva a disposizione per i “suoi ragazzi”. Vogliamo ricordare due persone che hanno particolarmente contribuito a rendere fattiva quello che era una aspirazione di tutti: Stellio Gastaldo e Angelo Manfrin.

 Nelle lunghe serate invernali si preparavano le rappresentazioni teatrali che sarebbero state messe in scena nel periodo estivo. Allora era in voga l’operetta, armonioso “ensamble” di musicali canzoni e parti recitate.  Qualcuno ricorda ancor oggi,  con orgoglio, i successi ottenuti in paese e i riconoscimenti raggiunti durante le trasferte.

In quei tempi, maschi e femmine non potevano fare teatro assieme quindi parallelamente nacque anche la compagnia teatrale femminile, i luoghi di incontro era sempre la canonica. A diversità dei colleghi maschietti, le ragazze si perfezionarono nella recita di commedie. Ci viene spontaneo chiedere cosa avrebbero fatto se ci fosse stata la necessità di una parte maschile. Niente paura, una ragazza si vestiva da maschietto e il problema era risolto. Inutile dire che anche il gruppo femminile ebbe i suoi momenti di gloria. 

Parlando con un signore di un paese limitrofo, riguardo alla tradizione teatrale a Bresega, questi ricordava che, quando era piccolo, i “grandi”lo avevano mandato a Bresega a prendere i trucchi. Cosa era successo? Stavano preparando una rappresentazione teatrale e all’ultimo momento si sono accorti che i loro trucchi si erano irrimediabilmente rovinati. Che fare? Niente paura si va a Bresega e loro sicuramente hanno tutto. Una corsa in bicicletta e il problema si è risolto nei migliore dei modi.  Eravamo negli anni Cinquanta!

ANNI SESSANTA

Con il boom economico si cambiano stili di vita, sorgono altri mezzi di divertimento, qualcuno è costretto ad emigrare e tutto lentamente si scioglie, lasciando però sempre acceso un lumicino: a ricordo dei vecchi fasti rimaneva  lo stabile del teatro.

ANNI SETTANTA...LA NASCITA DEL GRUPPO TEATRALE

E arriviamo agli inizi degli anni settanta quando un gruppo di ragazzi, cogliendo l’occasione della festa di Santa Lucia, copatrona del paese, si propongono, dopo la recita dei bambini delle elementari,  di allietale la festa con  brevi scenette. Ed è così che nasce quello che poi si chiamerà Gruppo Teatro Vecchio Veneto. Da brevi scenette si passerà  alle farse quindi ad atti unici finché  arriviamo  alla realizzazione delle commedie.

Con gli anni il gruppo artisticamente cresce coinvolgendo molti  giovani del paese e trova lo stile che lo contraddistinguerà  e lo caratterizzerà. 

IL GRUPPO TEATRO VECCHIO VENETO...OGGI

Il Gruppo attualmente è formato da circa trenta persone compresi attori, scenografi, tecnici audio e video, truccatrici e collaboratori vari.

Il Gruppo ha delle caratteristiche che lo differenzia dalle altre compagnie: è completamente autodidatta; ha un autore delle proprie rappresentazioni: Silvio Olin; ha la sua lingua vernacolare: il dialetto locale; ha tanta voglia di divertirsi, divertendo il pubblico, e può vantare, tra i componenti,  una collaborazione quasi quarantennale.

Il filone del buon umore è da sempre l’ingrediente principale che la compagnia vuole trasmettere al pubblico. In paese il gruppo è amato e apprezzato, conosciuto e seguito con entusiasmo. I consensi ottenuti si estendono non solo nei paesi limitrofi ma anche oltre il territorio della Bassa Padovana sconfinando anche fuori regione.
La discriminante sta certamente nel fatto che il pubblico può  identificarsi nei personaggi portati in scena.  Del resto le situazioni rappresentate sono storie di vita quotidiana, a volte portate all’eccesso, ma con un fondo di verità. E’ la realtà messa in scena , è la vita recitata dal vivo.

Il Gruppo ha messo in scena oltre a quindici rappresentazioni. A titolo esemplificativo ne ricordiamo alcune : Chiuso per ferie, Done Omani Marideve, Disi sempre che la xe cota, On pugneto de sale, Semo tuti paroni .

Attualmente il Gruppo si è costituito in associazione culturale teatrale  apolitica e apartitica senza scopo di lucro.

Per informazioni 0429/679097

teatrobresega.blogspot.com

 

 

Canti per la Santa Messa

No flash player!

It looks like you don't have flash player installed. Click here to go to Macromedia download page.


Powered by Flash MP3 Player

 

Gallerie fotografiche degli eventi principali della nostra comunità

2011
Recital dei ragazzi "La Pasqua di Gesù"- 16 aprile
bb
cc

2010
Rappresentazione di "Non ghe xe problemi" (Gruppo Teatro Vecchio Veneto di Silvio Olin) - 13 dicembre
Festa degli anniversari di matrimonio - 14 novembre
Prime comunioni - 9 maggio

2009

Inaugurazione del Monumento all'Immacolata - 8 dicembre
Festa degli anniversari di matrimonio - 8 novembre

 

Parrocchia di Bresega

Via Chiesa di Bresega, 108

35040 Ponso PD

 

Per comunicare con don Andrea Ceolato:

tel. 0429619777

cell. 340 2216242

carceri@diocesipadova.it

Per segnalazioni e contributi su questo sito:

web.bresega@gmail.com